21/9/2021

Rifiuti

Decreto Semplificazioni 2021

Novità in materia di gestione rifiuti

Lo scorso 28 luglio il decreto-legge 31 maggio 2021 n. 77 (c.d. decreto Semplificazioni) è stato convertito nella legge n. 108/2021, entrata in vigore il 31 luglio 2021.

Il provvedimento reca disposizioni in ordine all'organizzazione della gestione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) e misure di semplificazione che incidono in alcuni dei settori oggetto del PNRR al fine di favorirne la completa realizzazione, tra cui la transizione ecologica.

Come spesso avviene, il decreto legge nella conversione in legge ha subito delle modifiche.

Di seguito citiamo i più importanti aspetti in ambito ambientale, con riferimento in particolare ai rifiuti e alla loro gestione.

RIFIUTI SPECIALI ASSIMILATI AGLI URBANI

In conformità alle disposizioni del D.Lgs. n. 116/2020, che disponeva l’eliminazione dei criteri di assimilazione dei rifiuti speciali agli urbani con istituzione di uno specifico elenco di rifiuti urbani prodotti in azienda, è stata soppressa la definizione “e assimilati” anche nel D.Lgs. n. 152/2006 (art. 258, comma 7).
SCOPRI DI PIÙ

ATTESTAZIONE DI AVVENUTO SMALTIMENTO

È stato eliminato l’obbligo di predisposizione della dichiarazione di avvio a recupero e smaltimento (DARS, ex DAS) da parte degli impianti autorizzati che eseguono operazioni di smaltimento D13, D14 e D15, con modifica dell’art. 188 comma 5 del D.Lgs. n. 152/2006 (cd. T.U.A.), il quale dispone ora che “la responsabilità per il corretto smaltimento dei rifiuti è attribuita al soggetto che effettua dette operazioni”.
SCOPRI DI PIÙ

ELENCO EUROPEO DEI RIFIUTI (E.E.R.)

È stato sostituito l’Allegato D alla Parte Quarta del D.Lgs. 152/2006 relativo ai CER, per adeguarlo alla disciplina comunitaria.

MANUTENZIONE RETI FOGNARIE, FOSSE SETTICHE, BAGNI MOBILI

È stato riformulato il comma 5 dell’art. 230 del D.Lgs. 152/2006, il quale ora stabilisce che:

  1. i rifiuti provenienti da attività di pulizia manutentiva delle reti fognarie di qualsiasi tipologia, sia pubbliche che al servizio di edifici privati, delle fosse settiche, di manufatti analoghi, dei bagni mobili, si considerano prodotti dal soggetto che svolge l’attività di pulizia manutentiva;
  2. la raccolta e trasporto dei rifiuti derivanti dalla succitata attività deve essere accompagnata da un unico documento di trasporto per automezzo e percorso di raccolta, il cui modello è adottato con deliberazione dell'Albo Nazionale Gestori Ambientali entro sessanta giorni dall’entrata in vigore della presente legge n. 108/2021;
  3. i rifiuti possono essere conferiti direttamente a impianti di smaltimento/recupero o possono essere raggruppati temporaneamente presso la sede o unità locale del soggetto che svolge l’attività di pulizia manutentiva, nel rispetto delle condizioni previste per il “deposito temporaneo” dall’art. 185-bis del D.Lgs. n. 152/2006;
  4. il soggetto che svolge l’attività di pulizia manutentiva è tenuto all'iscrizione all'Albo Nazionale Gestori Ambientali, per lo svolgimento delle attività di raccolta e di trasporto di rifiuti e all'iscrizione all'Albo nazionale degli autotrasportatori di cose per conto di terzi.

SISTEMA DI RIUTILIZZO DI SPECIFICHE TIPOLOGIE DI IMBALLAGGI

Le aziende, in forma individuale o collettiva, sono chiamate ad adottare “sistemi di restituzione con cauzione nonché sistemi per il riutilizzo di specifici imballaggi”, quali “imballaggi in plastica, in vetro e in metallo utilizzati per l’acqua e per altre bevande” (art. 219-bis del D.Lgs. n. 152/2006). L’attuazione di tale disposizione è subordinata all’emanazione di uno specifico regolamento da parte del MiTE, che dovrà essere adottato entro 120 giorni dall’entrata in vigore della legge n. 108/2021, cioè entro il 28 novembre 2021.

IMPIANTI MOBILI DI RECUPERO RIFIUTI (art. 208 comma 15)

L’art. 208 comma 15 della Parte Quarta del D.Lgs. n. 152/2006 riguardante gli impianti mobili di recupero dei rifiuti è stato modificato dalla legge 108/2021 in alcuni punti:

  1. la comunicazione all’ente competente dello svolgimento della campagna di attività va presentata ora 20 giorni prima dell’installazione dell’impianto (in precedenza erano 60 giorni – 35, comma 1, lett. g-ter della legge 108/2021);
  2. non sono soggetti alla procedura di screening VIA (verifica dell’assoggettabilità alla valutazione di impatto ambientale):

“Le eventuali successive campagne di attività di recupero svolte sul medesimo sito saranno sottoposte alla procedura di verifica di assoggettabilità alla VIA qualora le quantità di rifiuti siano superiori a 1000 metri cubi al giorno”(art. 35, comma 1, lett. l-bis della legge 108/2021).

CSS-combustibile

Obbligo di sostituzione dei combustibili tradizionali con CSS-combustibile conforme ai requisiti stabiliti dall’art. 13 del DM 22/2013 per gli impianti già autorizzati allo svolgimento delle operazioni R1 (recupero energetico) o che intendono svolgere tale attività previa autorizzazione, se prevista.


Gruppo Ecoricerche svolge il servizio di analisi e consulenze sui rifiuti e nello specifico svolge il servizio di assistenza amministrativa per la gestione delle scritture contabili dei rifiuti: registro carico/scarico, formulari di identificazione per il trasporto, MUD, ADR.
Per qualsiasi informazione chiama il numero 0424-500722 o scrivi a info@ecoricerche.com

Autore

Ecoricerche s.r.l.

Condividi

Potrebbe interessarti anche:

Leggi tutte le news

Leggi tutte le news